LEZIONE 26.2 CAVALIERI E VASSALLI NELL EUROPA DEI FRANCHI Tra i regni romano-germanici affermatisi in Europa dopo il crollo dell impero romano d Occidente, solo il regno dei Franchi era destinato a sopravvivere e a esercitare un ruolo egemone nel continente, arrivando a occupare, nel VII secolo, una vasta area che si estendeva dai Pirenei alla valle del Reno. I Franchi, inizialmente divisi in tribù, si erano stabiliti nella Gallia settentrionale fin dal III secolo d.C. Dopo l unificazione, avvenuta a opera del re Clodoveo a partire dal 481, avevano dato vita a uno Stato in cui si era realizzata una progressiva integrazione tra la popolazione germanica e quella di origine romana. Questo elemento, insieme a un apparato militare efficiente e a nuove forme di organizzazione politica, contribuì a garantire la continuità e la potenza dello Stato franco. Espansione e divisione del regno franco Cavalieri alle porte di Londra raffigurati su una miniatura del Codice Sercambi. 366 Le basi della solidità del regno franco risalgono proprio a re Clodoveo, che, convertendosi al cattolicesimo (anziché all eresia ariana, come la maggior parte degli altri sovrani dei popoli germanici), aveva ottenuto l appoggio dei vescovi. Il sostegno del clero e delle strutture ecclesiastiche, che nel vuoto di potere seguito alla crisi dell impero romano avevano acquisito grande influenza nella società (in particolare sull aristocrazia fondiaria gallica), costituì un elemento di unificazione di una popolazione altrimenti molto disomogenea per etnia e costumi. Sotto la dinastia dei Merovingi, di cui Clodoveo era membro, i Franchi estesero i propri domini su gran parte dell Europa, conquistando i territori dell antica Gallia romana e sconfiggendo Alemanni, Burgundi e Visigoti. Alla morte di Clodoveo, tuttavia, le lotte dinastiche provocarono la frammentazione del regno. I conflitti tra le famiglie della nobiltà franca proseguirono nel VI e nel VII secolo e favorirono le ribellioni dei Bavari, dei Turingi e degli Alemanni, che approfittarono della debolezza del potere centrale per rendersi nuovamente indipendenti. Nella Gallia meridionale nacquero dei ducati indipendenti, mentre nel Nord sorsero i regni autonomi di Neustria (a occidente) e di Austrasia (a oriente). L autorità dei sovrani era così compromessa da procurare ai Merovingi l epiteto di re fannulloni .