T15

Poesia e civiltà

Quarta parte (vv. 213-295)

«Anche i luoghi ov’erano le tombe de’ grandi, sebbene non vi rimanga vestigio [alcun segno], infiammano la mente de’ generosi (vv. 213-225); quantunque gli uomini d’egregia virtù sieno perseguitati vivendo, e il tempo distrugga i loro monumenti, la memoria delle virtù e dei monumenti vive immortale negli scrittori, e si rianima negl’ingegni che coltivano le Muse (vv. 226-234): testimonio [ricordo come esempio] il sepolcro d’Ilo [il mitico fondatore di Troia], scoperto dopo tante età [secoli] da’ viaggiatori che l’amor delle lettere trasse [spinse] a peregrinar alla Troade (vv. 235-240), sepolcro privilegiato da’ fati perché protesse il corpo d’Elettra da cui nacquero i Dardanidi, autori dell’origine di Roma, e della prosapia [stirpe] de’ Cesari signori del mondo (vv. 241-253); l’autore chiude con un episodio sopra quel sepolcro (vv. 254-295)».


Metro
Endecasillabi sciolti.